Tortino al cioccolato
Tortino al cioccolato
Tortino al cioccolato

Rivista Cook Magazine - Anno 2 - Numero 2

Rivista Cook Magazine - Anno 2 - Numero 2

Rivista Cook Magazine - Anno 2 - Numero 2
Tag

covid

Esplorazione

Il Coronavirus non si trasmette con il cibo. Il Comitato nazionale sicurezza alimentare (Cnas), organo tecnico-consultivo che opera all’interno del ministero della Salute, ha chiarito la questione. Non ci sono evidenze scientifiche che provino la trasmissione del virus Sars-Cov-2 attraverso gli alimenti crudi o cotti. Per quanto riguarda invece il rischio di contagio da imballaggi contaminati è “trascurabile”.

Gli alimenti e i loro imballaggi non trasmettono il Covid, la risposta dal ministero della Salute

era post Covid, h-Alo, impatto ambientale
Foto di congerdesign da Pixabay

Dal Cnas, organo del ministero della Salute, arriva una rassicurazione. I prodotti alimentari, sia crudi che cotti, non favoriscono la trasmissione del Covid-19. Il documento è nato in seguito a specifiche richieste di chiarimento avanzate dalla Sezione consultiva delle Associazioni dei consumatori e dei produttori.

LEGGI ANCHE: Gli ortaggi freschi battono le verdure in busta, spesa cala del 5,6%

“La Sezione Sicurezza Alimentare – si legge – ha ritenuto opportuno procedere ad un’analisi delle conoscenze attuali in merito al rapporto tra virus e alimenti”. Sulla base degli studi attualmente presenti a livello internazionale, “si può concludere che non sono presenti evidenze scientifiche che permettano di affermare che il virus Sars-CoV-2 si trasmetta per via alimentare, attraverso gli alimenti crudi o cotti”.

LEGGI ANCHE: Consumi, aumentano le vendite dei prodotti “sugar free”: calo per le verdure in busta

L’argomento tocca anche la questione degli imballaggi degli alimenti. “In condizioni normali – si legge ancora nel documento -, non ci sono ancora prove che gli imballaggi contaminati trasmettano l’infezione e il rischio di contagio del virus Sars-CoV-2 attraverso il packaging e le superfici a contatto con gli alimenti appare trascurabile”. A casa, pertanto, “non è necessario disinfettare gli involucri che contengono gli alimenti, ma bisogna lavare le mani dopo aver manipolato le confezioni”. Infine “il lavaggio con solo acqua potabile sembra essere sufficiente per sanificare la frutta e la verdura”.

 

Che il Coronavirus abbia cambiato le abitudini degli italiani, è innegabile. Le restrizioni, le chiusure e i lockdown ci hanno costretto a rivedere molte consuetudini, tra cui quella di mangiare fuori casa. Per molti mesi, il cibo del ristorante è arrivato a casa solamente tramite consegne a domicilio. Per effetto del Covid, adesso, un consumatore su dieci acquista generi alimentari solamente online.

LEGGI ANCHE: Ordinare online, ecco le migliori 9 app per il cibo a domicilio

L’aumento della mortalità a causa del Coronavirus ha ridotto di quasi un anno la speranza di vita alla nascita. Se nel 2019 era aumentata di quasi due anni rispetto al 2010, nell’anno della pandemia è calata nuovamente. Su questo trend influiscono anche le scorrette abitudini alimentari. La dieta mediterranea, però, potrebbe essere una valida soluzione.