Tortino al cioccolato
Tortino al cioccolato
Tortino al cioccolato

Rivista Cook Magazine - Anno 2 - Numero 2

Rivista Cook Magazine - Anno 2 - Numero 2

Rivista Cook Magazine - Anno 2 - Numero 2
Tag

sostenibilità

Esplorazione

Il cibo è classista, lo è sempre stato, i ricchi hanno sempre mangiato meglio dei poveri.
C’è sempre stato chi ha lavorato duramente per permettere ad altri, più fortunati, di potersi sedere a tavola e mangiare qualcosa, senza averlo prodotto, cucinato, raccolto. Ora però, nonostante il sempre più forte paradigma di un cibo “green, pulito e sostenibile”, abbiamo smesso (o forse non abbiamo mai davvero iniziato a chiederci) per chi sia effettivamente sostenibile questo cibo meraviglioso a impatto zero che nelle storie IG ci vantiamo di consumare.

Con la nuova bag in carta per racchiudere i suoi Mini, Ritter Sport – il primo grande produttore di tavolette di cioccolato ad approvvigionare esclusivamente cacao 100% certificato sostenibile, sin dal 2018 – aggiunge un altro importante tassello al suo ambizioso obiettivo: utilizzare unicamente imballaggi realizzati con materie prime rinnovabili che possano essere riciclati e riutilizzati.

All’interno delle nuove bag in carta, nove deliziosi Ritter Sport Mini, ottimi per condividere un momento di dolcezza in famiglia, con gli amici o – perché no – per godersi da soli una pausa golosa.

Ritter Sport, le nuove bag in carta riciclabile: tutti i gusti

Le varianti sono 3 ed ognuna contiene un assortimento di Ritter Sport Mini della linea di riferimento:
Colorful Variety. Yogurt, Cornflakes, Gianduia, Marzapane, Nocciole, Biscotto e Latte: 7 gusti squisiti, ricoperti da cremoso cioccolato al latte o vellutato cioccolato fondente.

Special Nuts. Nocciole intere, Fondente con nocciole intere e Bianco con nocciole intere: 3 deliziosi gusti, con croccanti nocciole intere tostate e ricoperte da cioccolato bianco, al latte o fondente.

Cacao Selection. Il nuovo modo di essere fondente, quello di Ritter Sport. Con pasta di cacao mono origine in diverse intensità: L’Extra Intenso 81% con cacao dal Ghana, L’Intenso 74% con cacao dal Perù, L’Aromatico 61% con cacao dal Nicaragua e L’Equilibrato 55% con cacao proveniente dal Ghana. Per un’esperienza avvolgente con soli 3 o 4 ingredienti.

L’impegno green di Ritter Sport

La bag in carta certificata FSC® va a sostituire il vassoio in cartoncino avvolto nella plastica trasparente, permettendo un risparmio di 15 tonnellate di film plastico all’anno rispetto al confezionamento precedente. Il nuovo pack è un’ulteriore conferma dell’attenzione che Ritter Sport ripone verso l’ambiente. Dal 2002 l’Azienda approvvigiona esclusivamente energia verde, nel 2019 ha raggiunto l’obiettivo di produzione climaticamente neutra per la sede produttiva a Waldenbuch e dal 2020 può vantare di essere un’Azienda climaticamente neutra. Un passo in più verso il traguardo della neutralità climatica per l’intera filiera che Ritter Sport si prefigge di raggiungere entro il 2025.

Per quanto riguarda i pack, da oltre trent’anni l’Azienda utilizza un film monomaterico realizzato in polipropilene completamente riciclabile e dal 2020 certificato Cradle-to-Cradle. Ritter Sport lavora da tempo per utilizzare materiali di imballaggio alternativi provenienti da fonti rinnovabili, in modo da ridurre l’utilizzo di materie plastiche. Ove possibile utilizza già materiali riciclati e dal 2018 utilizza fibre certificate FSC® per le proprie confezioni in cartone. Entro la fine del 2022 tutti gli imballaggi secondari saranno convertiti in soluzioni a base carta.

Nuovi obiettivi entro il 2027

Entro il 2027, il 70% dei packaging sarà realizzato con materie prime rinnovabili. A tendere, la volontà è avere imballaggi realizzati con materie prime rinnovabili, che siano in armonia con l’uomo e la natura e che possano essere riutilizzate come materiale riciclabile. Questa confezione in carta è un primo passo in questa direzione. Le bag di carta Ritter Sport sono disponibili nel formato da 150g nella GDO. Il prezzo consigliato è di €2,39 per la bag Colorful Variety; di €2,89 per le varianti Special Nuts e Cacao Selection.

Cambiano le abitudini alimentari degli italiani. La dieta si arricchisce di prodotti a base vegetale e inevitabilmente anche il carrello della spesa diventa sempre più green. La sostenibilità fa da traino per questa nuova tendenza creando un giro di affari che ha superato i 10 miliardi di euro.

Il carrello della spesa è sempre più green, il mercato italiano ha superato i 10 miliardi

chic respect

Mangiare bene con un occhio all’ambiente. Questo è il trend che si afferma quasi con prepotenza sulle tavole italiane. I consumatori sono sempre più attenti alla sostenibilità dei prodotti che mangiano ed è questo il claim che cercano quando vanno a fare la spesa.

Il carrello della spesa infatti diventa sempre più verde. La nuova tendenza ha creato un giro di affari che in un anno è cresciuto del +7,6%, superando la cifra dei 10 miliardi di euro. Nel 2020 sono saliti a oltre 26 mila i prodotti di largo consumo, alimentari e non, che presentano sulle confezioni un claim relativo alla sostenibilità per un rappresentanza pari al 22% degli oltre 120 mila prodotti rilevati.

I dati emergono dalla nona edizione dell’Osservatorio Immagino Gs1 Italy. Lo studio, ogni sei mesi, analizza più di 100 informazioni presenti sulle confezioni dei prodotti di largo consumo digitalizzati dal servizio Immagino di Gs1 Italy e le incrocia con le rilevazioni Nielsen su venduto, consumo e fruizione dei media. La nona edizione dell’Osservatorio Immagino Gs1 Italy ha avuto una base statistica di oltre 120 mila prodotti che hanno sviluppato quasi 39 miliardi di euro di vendite e che rappresentano l’82,6% del sell-out realizzato nel 2020 dai canali ipermercati e supermercati nel mercato totale del largo consumo in Italia.

L’interesse non riguarda solamente il cibo ma anche il packaging. Il report segnala una crescita anche del numero dei prodotti che forniscono informazioni sulla riciclabilità delle loro confezioni. Questo conferma – sottolineano gli analisti- la sempre maggiore attenzione degli italiani rispetto alle tematiche ambientali. La ricerca evidenzia in particolare che sul 30,1% dei prodotti è indicato anche come smaltire le confezioni.