Tortino al cioccolato
Tortino al cioccolato
Tortino al cioccolato

Rivista Cook Magazine - Anno 2 - Numero 2

Rivista Cook Magazine - Anno 2 - Numero 2

Rivista Cook Magazine - Anno 2 - Numero 2
Beverage
PERUGIA

Montefalco, la vendemmia 2020 lascia intravedere un’annata speciale

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr

La vendemmia di questo difficile 2020 regala ottime prospettive. Per Montefalco la vendemmia inizia nelle settimane centrali del mese di settembre con il Montefalco Grechetto, procede con il Montefalco rosso e pian pian si conclude con due prodotti strepitosi come il Sagrantino, vino autoctono e principale esponente del territorio di Montefalco con importanza in Italia all’estero, ma anche come il Trebbiano Spoletino che negli ultimi anni ha fatto registrare una crescita esponenziale e importantissima, dando il giusto valore ad un prodotto così eccezionale.

Per quanto riguarda il Sagrantino e il Trebbiano, vendemmiati a metà ottobre, il consorzio di Montefalco commenta così le interessantissime prospettive del 2020: “Per le varietà più tardive sicuramente ha fatto la differenza la tecnica agronomica adoperata, una attenta modulazione del carico produttivo e una accurata gestione della parete e della fascia grappolo, che hanno permesso di raggiungere risultati eccellenti anche nonostante le abbondanti piogge a ridosso della raccolta, registrando una pressione dei principali patogeni fungini non elevata.”

Queste importanti prospettive sono motivate anche da un fattore essenziale che è il clima. Sotto questo profilo, quello metereologico, il clima è stato favorevole con una bella alternanza tra sole e piogge che hanno fatto sì che la pianta non subisse particolari momenti di stress. Dunque, il 2020 per Montefalco si preannuncia una annata in grado di regalare molte emozioni in ambito enologico.

Studente di scienze, culture e politiche della gastronomia presso il corso MICO all'Università per Stranieri di Perugia. Scrive per alcune testate giornalistiche del settore e collabora con ristoranti e cantine. Si definisce umbro IGP poiché la carta d'identità segna la nascita nella capitale italiana

Scrivi un commento