Tortino al cioccolato
Tortino al cioccolato
Tortino al cioccolato

Rivista Cook Magazine - Anno 2 - Numero 1

Rivista Cook Magazine - Anno 2 - Numero 1

Rivista Cook Magazine - Anno 2 - Numero 1
Mondo Pizza
RIPARTENZA

L’Antica pizzeria da Michele si fa in due in Arabia Saudita, apre la sede di Riyad

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr

L’Antica pizzeria da Michele fa il bis in Arabia Saudita. Dopo l’apertura della sede di Al Khobar, arriva quella di Riyad, capitale e polo finanziario del paese.

L’Antica pizzeria da Michele si fa in due in Arabia Saudita

Soltanto  pochi mesi fa, ad agosto 2020, l’Antica pizzeria da Michele in the World aveva aperto una sede al 7575 di Al Ashaab Street ad Al Khobar. Un’apertura importante e significativa per il brand che con il suo franchising ha diffuso nel mondo la tradizionale pizza napoletana.

Ormai la nota pizzeria conta diciannove pizzerie nel mondo. Conta sedi, infatti, a Roma Flaminio, Londra Baker Street, Roma Trevi, Londra Soho, Al Khobar, Bologna, Firenze, Verona, Milano, Palermo. E ancora Berlino, Barcellona, Los Angeles, Dubai, Tokyo, Fukuoka, Yokohama e, ovviamente, Napoli.

LEGGI ANCHE: Una pizza senza uno spicchio, lo scherzo (serissimo) dello chef Cracco

Apre la sede di Riyab

L’apertura diretta al pubblico della sede di Riyad, nell’elegante Gallery Mall in U Walk, è fissata per oggi, 23 novembre. Un evento ancora più significativo se si pensa che quella di Al Khobar è stata la prima dopo il lockdown.

“La seconda apertura in Arabia Saudita in pochi mesi è un segnale molto positivo, in un periodo non semplice come quello che stiamo vivendo – spiega Alessandro Condurro, AD de l’antica pizzeria da Michele in the world -. La sede di Riyad rappresenta il secondo step di una collaborazione con il gruppo Foodart di proprietà saudita, iniziata lo scorso anno e sancita dall’apertura de l’antica pizzeria da Michele Al Khobar. Fin da luglio la sede di Al Khobar ha dato grandi soddisfazioni, registrando un’alta affluenza di persone ogni sera e un grande apprezzamento per la pizza napoletana tradizionale da parte degli abitanti della città”.

“Pensando all’Italia e agli altri paesi che stanno attraversando un momento in cui le pizzerie sono aperte solo per asporto e delivery, questa nuova inaugurazione rappresenta il segnale di ripartenza e speranza in cui noi continuiamo a credere e per la quale lavoriamo ogni giorno” conclude Alessandro Condurro.

Un tour virtuale per conoscere l’Antica pizzeria da Michele

“In questo nuovo periodo di chiusura al pubblico di molte sedi, invitiamo i nostri affezionati clienti italiani e internazionali a venirci a trovare ‘virtualmente’ anche a Napoli – spiega Daniela Condurro, AD de l’antica pizzeria da Michele in the world -. Resta infatti visitabile il tour virtuale de l’antica pizzeria da Michele presente sul nostro sito www.micheleintheworld.com. Siamo partiti dal concetto del ‘tempio della pizza’ per raccontare una storia di famiglia, la nostra, che rappresenta alcuni passaggi cardine degli ultimi 150 anni e che si è intrecciata con tante realtà a livello internazionale”

“Attraverso la mostra – spiega – si entra fisicamente nella pizzeria e si esplora liberamente la prima sala, come per un po’ non sarà possibile fare. Sulle pareti, sui tavoli e persino nel forno, si nascondono tanti contenuti video, fotografici e audio. Vogliamo celebrare degnamente il 1870, anno in cui il primo Condurro, Salvatore, ottenne la licenza per preparare le pizze e speriamo di poter al più presto organizzare anche una mostra fisica”.

LEGGI ANCHE: Le regole per riconoscere una buona pizza, ecco come evitare brutte sorprese

Foto di copertina dal sito della pizzeria

Rosanna Pasta

La passione per la scrittura è nata con la lettura, così ho deciso di specializzarmi in Editoria e scrittura all’Università degli studi di Roma “La Sapienza”. Quando sono rientrata a Palermo, mi sono imbattuta quasi per caso nella scrittura giornalistica tramite alcune collaborazioni e adesso non posso più farne a meno. Ammiro chi sa cucinare e abbinare profumi e sapori, un giorno imparerò pure io, intanto mi diletto a raccontarvi le loro opere.

Scrivi un commento