Tortino al cioccolato
Tortino al cioccolato
Tortino al cioccolato
Ristorazione
UNA "SOLUZIONE" PER I RISTORATORI?

Covid, il tristellato Atelier Crenn riapre in sicurezza con il sistema ospedaliero UV-C

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr

La chef di fama mondiale Dominique Crenn ha riaperto il suo ristorante con tre stelle Michelin, l’Atelier Crenn. Adesso il ristorante è quindi pronto per accogliere nuovamente i suoi clienti al coperto nonostante la pandemia di Coronavirus. Il ristorante di San Francisco rispetterà tutte le norme anti-contagio, ma a questo si aggiunge un’ulteriore precauzione. La chef Crenn utilizzerà infatti nel suo locale un sistema di disinfezione UV-C di livello ospedaliero.

Covid, il tristellato Atelier Crenn riapre in piena sicurezza con il sistema ospedaliero UV-C

Nessuna forma di protesta contro le norme anti-Covid. Anzi, Dominique Crenn è pronta a rispettarle tutte. Dalla misurazione della temperatura al distanziamento tra i tavoli, senza tralasciare l’uso delle mascherine. C’è persino un questionario digitale per gli ospiti.

Visto, però, che le precauzioni non sono mai troppe, se ne aggiunge una high-tech. È qualcosa che probabilmente la maggior parte dei commensali non ha mai visto prima:  un sistema di disinfezione UV-C di livello ospedaliero.

“Ho avuto un cancro nel 2018 e nel 2019, quindi sono interessata a garantire il massimo livello di igiene nel mio locale e così mi sono interessata all’UV-C. Ho parlato molto con il mio medico e un amico del mio socio in affari mi ha proposto questa tecnologia. Ho parlato con lui e ho detto ‘oh mio Dio, questo è esattamente ciò di cui abbiamo bisogno’ per continuare a lavorare in sicurezza“, ha dichiarato la chef a SFGate.

Atelier Crenn ha collaborato con la società di biosicurezza R-Zero di San Francisco per installare Arc. Il dispositivo è in grado di distruggere il 99,99% dei patogeni aerei e di superficie in uno spazio di 1.000 piedi quadrati in sette minuti.

Secondo la FDA, la radiazione UV-C è stata utilizzata efficacemente per decenni per ridurre la diffusione dei batteri e potrebbe essere efficace anche contro il Coronavirus. Tuttavia, attualmente esistono “dati pubblicati limitati sulla lunghezza d’onda, la dose e la durata della radiazione UV-C necessaria per inattivare il virus SARS-CoV-2”.

Reinventarsi per sopravvivere

La chef Crenn era un fan del sistema R-Zero perché è privo di sostanze chimiche e sostenibile, valori per lei importanti. Inoltre, le aziende pagano solo 17  dollari al giorno per noleggiare il dispositivo. Un oggetto oblungo alto sei piedi e mezzo. Un modo per garantire la sicurezza sanitaria a costi accessibili per i ristoranti. Atelier Crenn prevede di far funzionare il dispositivo a tarda notte, quando non c’è nessuno nel ristorante, per disinfettare la sala da pranzo prima dell’arrivo degli ospiti.

“L’industria deve trovare modi per reinventare, compresa la riprogettazione delle operazioni per renderle sicure”, ha aggiunto Crenn. “Come proprietario di un ristorante, è mio dovere assicurarmi di avere un ambiente sicuro”.

Rosanna Pasta

La passione per la scrittura è nata con la lettura, così ho deciso di specializzarmi in Editoria e scrittura all’Università degli studi di Roma “La Sapienza”. Quando sono rientrata a Palermo, mi sono imbattuta quasi per caso nella scrittura giornalistica tramite alcune collaborazioni e adesso non posso più farne a meno. Ammiro chi sa cucinare e abbinare profumi e sapori, un giorno imparerò pure io, intanto mi diletto a raccontarvi le loro opere.

Scrivi un commento