Tortino al cioccolato
Tortino al cioccolato
Tortino al cioccolato

Rivista Cook Magazine - Anno 2 - Numero 2

Rivista Cook Magazine - Anno 2 - Numero 2

Rivista Cook Magazine - Anno 2 - Numero 2
3 vini per una ricetta
3 VINI PER UNA RICETTA

Tre vini che stupiscono per il Risotto al parmigiano, mela e seppia dello chef Piergiorgio Alecci

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr

Oggi presentiamo una ricetta elegante e raffinata, ma allo stesso tempo fresca in bocca e ricca di gusto. Stiamo parlando del Risotto al parmigiano, mela e seppia dello chef Piergiorgio Alecci. Un piatto talmente straordinario da richiedere in abbinamento tre vini sbalorditivi, come quelli scelti dal nostro Daniele Mari.

In questa ricetta dello chef Piergiorgio Alecci, la cremosità del risotto mantecato con il parmigiano stagionato 36 mesi, che suggerisce una nota di gusto, si accompagna ad una purea di mela che addolcisce il palato. La seppia, con il suo nero, si presenta poi come una sorpresa in bocca.
Il piatto è un vulcano in fase di esplosione, ti inebria con i colori, ti regala piacevolezza e ti invoglia a scoprire cosa ci sarà nel prossimo boccone. Cosa facciamo rimaniamo sulle nostre o cerchiamo di stupire anche con l’abbinamento? Chi conosce Daniele Mari già sa come andrà a finire. Scopriamo insieme i vini da lui scelti.

Gloria, Coer de Cheverny,2020, Domaine de Montcy, Loira, Francia

In questa appellation si vinifica con il vitigno più raro al mondo e cioè il Romorantin. Vino strepitoso, biodinamico con acidità totale e protagonista per un effetto agrumato indimenticabile. Rarità!

Riesling, Selezione Padroggi, 2018 La Piotta, Oltrepò Pavese, Lombardia

Riesling espressivo, fresco e lunghissimo. Naso prepotente di idocarburi e pera matura. Gusto tagliente, croccante e straordinariamente fine. Verticale!

Franciacorta Dosaggio zero 2014, La Fioca. Franciacorta, Lombardia

Metodo classico che strizza l’occhio ai cugini d’oltralpe. Spuma cremosissima, tostatura ponderata, fragranza illimitata, finale eterno. Fenomeno!

Risotto al parmigiano, mela e seppie – Ingredienti per 4 persone:

  • 360 gr di riso riserva san massimo
  • 500 gr di seppia pulita
  • 2 sacche di nero di seppia
  • 2 mele
  • 90 gr di parmigiano 36 mesi
  • 1 limone
  • olio evo qb
  • sale qb
  • 1 litro circa di brodo vegetale
  • 40 gr di burro
Procedimento

Pulire le mele, privandole della buccia e del nocciolo, tagliarle a pezzettini.
Metterle in un sacchetto sottovuoto con chiusura al 100%,cuore in microonde per 8-10 minuti, appena cotte frulliamo le mele, ottenendo una purea liscia, gustiamo di sale.

Pulire le seppie, evitando di rompere le sacche del nero, che serviranno dopo.
Dopo aver pulito le seppie tagliarle a julienne e condirle con olio,  sale e scorzetta di limone.

Cucinare il riso, tostare e sfumare con brodo. Portare a cottura e mantecare con parmigiano, scorza di limone e burro.

Impiattare, adagiando alla base del piatto il nero di seppia, mettere il riso, una chenelle di purea di mela e la julienne di calamaro.

Lo chef Piergiorgio Alecci

Piergiorgio Alecci foto di Benedetto Tarantino

Executive chef al Donna Carmela Resort & Lodges ai piedi dell’Etna, il giovane Piergiorgio Alecci guida una brigata, altrettanto giovane e ambiziosa.

Con il tempo è riuscito a dare un’impronta personale alla cucina e ad esprimersi al meglio nonostante il carattere introverso e la sua spiccata riservatezza. Si definisce infatti “riflessivo e riservato”, alla costante ricerca di “un’armonia tra la semplicità e freschezza delle materie prime”.

Amante degli abbinamenti equilibrati, Alecci riesce a “esaltare i prodotti lavorandoli con nuove e moderne tecniche di cucina”.

La passione per la scrittura è nata con la lettura, così ho deciso di specializzarmi in Editoria e scrittura all’Università degli studi di Roma “La Sapienza”. Quando sono rientrata a Palermo, mi sono imbattuta quasi per caso nella scrittura giornalistica tramite alcune collaborazioni e adesso non posso più farne a meno. Ammiro chi sa cucinare e abbinare profumi e sapori, un giorno imparerò pure io, intanto mi diletto a raccontarvi le loro opere.

Scrivi un commento