Tortino al cioccolato
Tortino al cioccolato
Tortino al cioccolato

Rivista Cook Magazine - Anno 2 - Numero 2

Rivista Cook Magazine - Anno 2 - Numero 2

Rivista Cook Magazine - Anno 2 - Numero 2
Birra
REPORT ECONOMICO

Anno nero per la birra italiana, il 2020 si chiude in negativo: “serve sostegno dal Governo”

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr

Il 2020 è stato un anno nero per la birra italiana. L’anno della pandemia infatti si è chiuso in negativo. La produzione nazionale infatti è calata dell’8,4%. Lo rileva AssoBirra.

Anno nero per la birra italiana, il 2020 si chiude in negativo

L’Annual Report 2020 di Assobirra “La birra ha unito gli italiani” parla chiaro. I dati del report economico mostrano che  “nel 2020 la produzione nazionale di birra ha visto un calo dell’8,4%, accompagnato da una netta flessione dei consumi pari all’11,4% e da una più contenuta diminuzione dell’export che ha segnato una decrescita del 4,8%, a causa delle restrizioni imposte dalle misure per il contenimento dell’emergenza Covid-19.”

birra

Un trend economico che, secondo i ricercatori, ha ribaltato i dati “dell’anno 2019 che aveva messo a segno record storici”. Sotto il profilo della consistenza di comparto la filiera brassicola nel 2020 conta circa 900 imprese e oltre 115.000 occupati. La produzione nazionale di birra si è attestata a 15.829.000 ettolitri, calando dell’8,4% rispetto al 2019 (quando aveva raggiunto i 17.288.000 ettolitri).

Anche se i numeri portato il segno meno, però, “nel 2020 la birra è stata la bevanda più consumata dagli italiani, persino durante il lockdown, creando socialità.

I consumi, colpiti dalle restrizioni imposte nel fuori casa, hanno segnato un calo dell’11,4% (18.784.000 ettolitri nei confronti di un 2019 che aveva superato la quota dei 21 milioni di ettolitri). Anche l’export, subisce un calo del 4,8% con volumi esportati pari a 3,3 milioni di ettolitri. Si segnala un calo dell’import del 15%.

Le limitazioni e il blocco del canale Ho.Re.Ca, tra i più colpiti dall’emergenza Covid-19 , ha generato una perdita di oltre 20.000 posti di lavoro nel solo primo semestre 2020. AssoBirra richiede al Governo un sostegno immediato sulla birra alla spina attraverso un credito di imposta destinato direttamente all’Ho.Re.Ca e una riduzione triennale delle accise che gravano sulla birra nella prossima legge di Bilancio.

Scrivi un commento