Tortino al cioccolato
Tortino al cioccolato
Tortino al cioccolato

Rivista Cook Magazine - Anno 2 - Numero 2

Rivista Cook Magazine - Anno 2 - Numero 2

Rivista Cook Magazine - Anno 2 - Numero 2
Chef
L'INTERVISTA

Ricerca e rispetto del territorio, a Raffadali la scommessa (vincente) dello chef Mangione

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr

È tornato nella sua amata Sicilia, portando con se esperienze preziosissime in cucine di alto livello e riappropriandosi dei suoi luoghi, i paesaggi bucolici dell’Agrigentino. Il protagonista dell’intervista di oggi su Cook Magazine è Alen Mangione, chef del ristorante “Il Mangione”. Siamo a Raffadali, piccolo paese a pochi passi dalla Valle dei Templi, lontani dalla frenesia cittadina e immersi in un contesto unico dal punto di vista naturalistico. Qui Alen sperimenta piatti della tradizione, in modo innovativo e creativo, utilizzando rigorosamente prodotti del territorio e rispettando la stagionalità.

Lo chef Alen Mangione

Il menu del ristorante “Il Mangione” propone una vasta scelta di antipasti, una selezione di primi e secondi, e diversi menu degustazione. Ampia la selezione delle pizze, da abbinare a una delle cinque birre prodotte dal ristorante. Un luogo dunque che si rivela adatto a un pubblico vasto, poichè dà la possibilità di scelta tra piatti gourmet e piatti più semplici e meno laboriosi.

“Ho preso le redini della cucina del ristorante di famiglia a soli 21 anni e oggi, a distanza di due, mi rendo conto di aver portato quell’innovazione che probabilmente mancava nel mio territorio – racconta lo chef -. Sono tornato a casa dopo la formazione all’Alma, la scuola internazionale di Cucina Italiana del maestro Gualtiero Marchesi, e l’esperienza lavorativa al ristorante tristellato “Da Vittorio” e il bistellato “Duomo”. Oggi posso dire di aver coronato un sogno, concretizzandolo grazie al supporto e ai preziosi consigli di mio padre, del quale ho seguito le orme”.

Filetto di vacca Cinisara, jus al Marsala e pavè di patata e cipolla paglina

Il ristorante Il Mangione, oltre al menu alla carta, propone svariati percorsi di degustazione come “Nella tradizione del Mangione”, un menu a base di carne, formaggi e verdure del territorio preparato con i prodotti freschi del mercato; “100% Pistacchio”, un percorso a tema Oro Verde di Raffadali con il fine di far scoprire agli ospiti uno dei tesori siciliani; “Sapori e profumi della montagna”, un viaggio all’insegna del gusto e alla scoperta della filosofia di cucina dello chef, sempre al passo con i tempi e in linea con la stagionalità dei prodotti.

Nel menu alla carta troviamo tre piatti iconici dello chef Mangione:  il carpaccio di Roast beef con un’insalatina di finocchio, arance, migole di pane e polvere di lampone; i ravioli alla Norma, pasta fresca ripiena di crema di melanzane, crema di pomodorino confit, pesto di basilico e ricotta salata; il filetto di Vacca Cinisara con jus al Marsala e pavè di patate e Cipolla Paglina.

“La mia cucina si basa soprattutto su ciò che la mia terra produce ma amo spaziare anche nelle diverse regioni d’Italia – conclude lo chef – Amo questo lavoro perchè mi permette di dare forma alla mia fantasia e creare così nuovi piatti. Spesso, per concentrarmi, mi immergo nella natura e trovo sempre degli spunti per dar vita a qualcosa di innovativo. Cosa vedo nel mio futuro? Il mio obiettivo più grande è quello di aprire un piccolo ristorante, lontano da casa, e portare con me un pezzo della Sicilia attraverso i piatti tipici della mia Isola.

La struttura

Info sul ristorante “Il Mangione”
Dove: C.Da Modaccamo, Raffadali AG
Giorno di chiusura: martedì
Orari di apertura: 19.30/23.00

 

 

Giornalista, nata a Palermo, è capo redattore di Cook Magazine. È social media manager e addetto stampa di alcune importanti realtà turistiche e imprenditoriali. Ha una laurea triennale in “Giornalismo per uffici stampa” e magistrale in “Scienze dell’Informazione, Comunicazione ed Editoria” conseguita all’Università degli Studi di Tor Vergata. Nel 2018 ha pubblicato il saggio “L’uomo del dialogo contro la mafia, la storia di Padre Pino Puglisi” edito da "La Zisa".

Scrivi un commento